Gamers4um

News: in collaborazione con:

Autore Topic: [X360] Articolo TGM sulla presentazione di X360 in Italia  (Letto 568 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline .:|Physalis|:.

  • Jedi Master
  • ***
  • Post: 2466
  • Back there... again...
    • Mostra profilo
[X360] Articolo TGM sulla presentazione di X360 in Italia
« il: 21 Settembre, 2005, 10:13:55 »
TGM Online


Microsoft ha deciso di giocare d'anticipo, presentando ufficialmente quest'oggi alla stampa la sua nuova console con più di due mesi di anticipo rispetto al suo arrivo sul mercato, previsto per il prossimo 2 dicembre in Europa (uscirà il 22 novembre negli Stati Uniti e il 10 dicembre in Giappone). Si tratta in realtà di un doppio anticipo, perchè quella di Microsoft sarà la prima console di terza generazione ad uscire sul mercato, con PlayStation 3 e Nintendo Revolution previste non prima del 2006.
Qualche settimana prima della sua uscita, ci assicura Maurizio Zazzaro, Country Manager di Microsoft Italia, la console sarà disponibile nei «centri commerciali, nei negozi specializzati, nei cinema, nei luoghi dove la gente va a divertirsi».

Nelle scorse settimane sono già trapelate molte informazioni sulla macchina da gioco di Microsoft: specifiche tecniche, prezzi, dettagli su Xbox Live. La presentazione di quest'oggi puntava l'accento sulla collocazione della console sul mercato, proponendosi come un vero e proprio centro multimediale casalingo con cui ascoltare musica, vedere immagini e filmati, chiacchierare con gli amici tramite il servizio Live, e - incidentalmente - videogiocare. Durante la presentazione è stato mostrato all'opera il "cruscotto" della console, la dashboard, ossia l'interfaccia utente tramite la quale effettuare tutte le operazioni, dall'ascolto di canzoni alla riproduzione di DVD, dalle chat vocali al lancio di videogame.

   
L'interfaccia utente di Xbox 360 è divisa in quattro sezioni:
Sistema - qui vengono gestiti i profili utente. In pratica, come già avviene in molti videogiochi, sarà possibile definire un diverso profilo per ciascuna delle persone che hanno accesso alla console, nel quale ognuno può impostare - ad esempio - la propria gamertag (il nickname di gioco), i savegame, ecc. Una nota interessante per quanto riguarda i profili: ogni giocatore potrà memorizzare i controlli e i comandi relativi ad un particolare genere (corse, FPS, ecc.) così da trovarseli applicati automaticamente ogni volta che gioca, senza doverli configurare per ogni titolo (a meno di non volerlo fare espressamente per cambiare qualcosa).
In questa sezione possono essere specificate le impostazioni del monitor, di Xbox Live, il blocco legato alla classificazione dei giochi, ecc. Particolare rilevanza riveste, secondo Microsoft, l'integrazione tra il controllo dei genitori e la classificazione di un gioco. Ad esempio, se un papà decide che il profilo "figlio" non possa accedere a titoli che abbiano una classificazione superiore a 12+, quando il pargolo proverà a caricare Resident Evil 5 si troverà con un pugno di mosche.   
Parere personale e spassionato: questo sistema non servirà a un bel niente, per due motivi: il primo è che un ragazzino impiegherà molto meno tempo a modificare il profilo che gli hanno impostato i genitori che non il contrario. In secondo luogo, le impostazioni di controllo previste per un profilo non possono essere bloccate da password, il che significa che qualunque ragazzo, "abbandonato" davanti alla console senza il genitore che controlla (nel qual caso un blocco via software è comunque inutile), può smanettare a dovere fino a trovare il modo di aggirare il blocco. Ad ogni modo, i giornalisti dei network televisivi per ragazzi che ho sentito confabulare al termine della presentazione erano entusiasti della cosa... Contenti loro, contenti tutti.
Xbox Live - in questa sezione possono essere attivate chat vocali con altri giocatori, gestite le partite online, controllato il proprio profilo, ecc.
Giochi - abbastanza autoesplicativo. In particolare, tutti i giochi sviluppati per Xbox 360 conterrano degli obiettivi (superamento di un livello, raggiungimento di una skill, ecc.), che una volta raggiunti contribuiranno ad aumentare la nostra "fama", il rating globale visibile agli altri giocatori.
Multimedia - da cui lanciare la visualizzazione di immagini e la riproduzione di filmati e canzoni di dispositivi connessi alla console tramite porte USB o collegamenti wireless, o dei contenuti multimediali di un PC (con Windows XP) collegato alla console tramite cavo di rete o connessione wi-fi (esiste un apposito accessorio della console all'uopo). Nota di colore: nel tentare di riprodurre un DVD, la console si è "bombata" per due volte. Quasi un must, per le presentazioni Microsoft. Trattandosi di una versione di test della macchina, poco male. Speriamo vada meglio con quelle definitive... ^__^ :lol2:

Terminata la "sessione" relativa alla dashboard, la presentazione è passata nelle mani di Alessandro Paolucci, responsabile Xbox Live e periferiche, che ha snocciolato tutti i dispositivi "extra" che potranno essere collegati alla console. Si comincia con i faceplate, cover da applicare sulla parte frontale della console, che secondo Paolucci sarà la periferica di maggior successo. Vedo già molti di voi storcere il naso... Alla fine, quello delle "cover" non è altro che un semplice orpello, ed è probabilmente vero. Altrettanto vero è che - come diceva lo stesso Alessandro - in Italia queste cose sono notoriamente molto amate dal pubblico. Quanti di voi hanno una suoneria personalizzata o uno sfondo per il proprio telefonino? Alla luce di questa considerazione, quanto appeal avrà l'orpello sul volubile pubblico italiano?
Ci sarà poi un universal media remote, un telecomando universale per controllare tutte le funzioni multimediali della console senza utilizzare il pad. Per inciso, il telecomando che sarà regalato con la versione da 399 € della console sarà diverso, meno ricco di funzioni, di questo. C'è poi la memory card da 64 mega, il controller senza fili (con relativo cavo per caricarlo mentre si gioca), e l'headset composto da cuffie più microfono. Chi ne possiede già uno non dovrà acquistarne un altro: sarà l'unico accessorio ancora compatibile con la nuova console.
Ci sono poi i cavi di collegamento alla televisione, quello standard e quello per la HDTV. Il primo, in particolare, contiene anche un adattatore VGA per attaccare la console al monitor del computer, "feature" che molti apprezzeranno senz'altro.
Tra gli altri accessori troviamo il disco fisso da 20 Gb (in realtà quasi obbligatorio, de facto), il controller con cavo (con porta USB per usarlo su PC) e il già citato adattatore wireless, che permette il collegamento con il PC di casa.

   
Servizi Xbox Live Ne abbiamo già parlato nei giorni scorsi (cui vi rimando per le informazioni del caso), ma in questa occasione sono state aggiunte un po' di informazioni. In primis, c'è il Marketplace, un luogo unico dove poter scaricare i vari contenuti aggiuntivi e i download disponibili (invece di doverli selezionare singolarmente dai vari giochi), alcuni gratuiti altri a pagamento. Sarà possibile scaricare anche demo e trailer; in futuro non è esclusa la possibilità di vendere oggetti creati dall'utente (le macchine di PGR3, ad esempio).

Per quanto riguarda l'abbonamento al servizio Gold, sarà possibile effettuarlo senza utilizzare la carta di credito ma con apposite tessere prepagate da tre e dodici mesi. E sempre per chi non possiede una carta di credito con cui acquistare i contenuti extra, saranno messe in commercio delle apposite carte da 25 € che contengono 2100 Microsoft Point, con i quali effettuare le proprie spese. Ci auspichiamo una tempestiva collaborazione con Esselunga per la conversione di punti Fragola in MS Points.

   
Nei servizi di base di Xbox Silver ci sono le chat vocali, e la possibilità di lasciare "messaggi vocali" su una sorta di segreteria, che l'altro giocatore potrà ascoltare in un secondo momento. Ma i possessori di abbonamento Silver potranno anche trovarsi - di quando in quando - a delle piacevoli sorprese, come anticipato da Andrea, come delle "notti di gioco" aperte a tutti, Gold e Silver.

Nel servizio Gold saranno presenti opzioni di matchmaking (ossia collegarsi in rete con giocatori dal rating analogo al nostro - per pareggiare il livello di bravura, o appartenenti alla buddy list dei propri contatti). Verrà ulteriormente potenziato e migliorato il sistema di feedback degli utenti. Sarà introdotto lo Spectator Mode (inizialmente con Project Gotham Racing 3), grazie al quale collegarsi e semplicemente "assistere" agli incontri. E per chi si preoccupa della retrocompatibilità, ci viene assicurato che il gamertag non cambierà, e che chi giocherà ai titoli emulati (come Halo 2) su Xbox 360 potrà sfidare anche quelli che giocano con la prima Xbox.


Quattro chiacchiere...

   
Al termine della presentazione ho avuto modo di scambiare quattro chiacchiere con Andrea Giolito, product manager di Xbox in Italia, riguardo alcune questioni che nello specifico riguardano il ludo elettronico, che sarà - a questo punto l'abbiamo capito - solo una delle componenti della console, seppure la più rilevante.

L'emulatore che permetterà di giocare i titoli della prima Xbox sarà con ogni probabilità pre-caricato sul disco fisso al momento di mettere in vendita la console (o in alternativa scaricabile gratuitamente dal Marketplace, ipotizziamo noi). I giochi retro-compatibili dovrebbero essere annunciati nei prossimi giorni; l'intenzione, mi diceva Andrea, è di rendere l'intero parco giochi compatibile con Xbox 360, anche se questo stride con i proclami fatti lo scorso E3, quando le notizie parlavano di una compatibilità limitata ai titoli di maggior successo sulla prima Xbox, Halo 1 e 2 in testa. Probabilmente le due esigenze si incontreranno a metà strada. Staremo a vedere.

   
Per gli smanettoni, l'hard disk da 20 Gb (che è un componente rimovibile, potrà essere staccato dalla console e trasportato ad un'altra) sarà "fisso": non si potrà, insomma, come io stesso auspicavo, staccare dal case che lo contiene quello venduto da Microsoft e installarne uno - che so - da 200 Gb. Il disco è un Serial ATA, ma il firmware sarà proprietario, con le implicazioni che questo comporta, uno su tutte che la console potrebbe non riconoscere la nuova periferica. Anche se, possiamo starne certi, gli hacker di mezzo mondo si metteranno di buzzo buono per cercare di aggirare questo limite (con relativo decadimento della garanzia, ovviamente). Anche in questo caso, vi terremo aggiornati.

La modifica delle impostazioni internazionali al momento del setup della console consente di specificare la nazione in cui ci si trova, cosa che avrà ovviamente effetto sulla codifica della regione per la lettura dei DVD, ma al momento non è ancora chiaro se si potrà cambiare tale impostazione, ed eventualmente per quante volte.

L'introduzione degli "obiettivi" all'interno dei giochi è una novità che viene introdotta per la prima volta con Xbox 360, e permetterà al giocatore di aumentare il proprio "ranking" globale, come abbiamo visto. Nelle linee guida fornite da Microsoft agli sviluppatori è stato espressamente richiesto di implementare questo sistema nei propri titoli, anche se al momento i responsabili di Microsoft Italia non hanno ancora potuto verificare personalmente quanti di loro si siano attenuti a questa regola; non è escluso, quindi, che alcuni giochi possano non avere il meccanismo degli obiettivi. Per la cronaca, le prime versioni giocabili della lineup Xbox 360 dovrebbero arrivare in Italia entro la metà di ottobre; se così fosse, potrebbe essere organizzata una nuova presentazione alla stampa a cui potrebbe partecipare persino lo stesso Bill Gates.

   
Per quanto riguarda la presenza di un disco fisso come requisito indispensabile per giocare, anche qui la situazione non è ben definita: come sappiamo, Microsoft ha chiesto agli sviluppatori di prevedere la possibilità che una console abbia solo la memory card («ma alla fine compreranno tutti l'hard disk», ha commentato Andrea), e con ogni probabilità saranno solo i titoli esclusivamente online come Final Fantasy XI Online a richiedere un capiente dispositivo di memorizzazione. Discorso analogo per i contenuti accessibili dal Marketplace: demo, trailer e quant'altro potranno essere scaricati anche sulla memory card, ma dubitiamo fortemente che un demo o un filmato in alta risoluzione possa trovare facilmente posto su uno stick da 64 Mb, dove peraltro si troveranno già profili utente, salvataggi e chissà che altro.

Il controller wireless potrà funzionare con delle comuni batterie alcaline, oppure con pile ricaricabili che potranno essere riportate in vita con l'apposito accessorio a pagamento, un cavo che consente di caricare le batterie anche mentre si gioca. Non si potrà, quindi, come mi auspicavo, caricare le batterie del controller riponendolo opportunamente da qualche parte a console spenta (rendendo questo accessorio - a pagamento - un acquisto praticamente obbligato).

Per quanto riguarda il collegamento con il PC di casa, la domanda che tutti si pongono è: potrò vedere qualsiasi cosa, anche i divx, oppure solo i file in formato wmv e wma (di Microsoft)? Andrea mi ha detto che il PC funge di fatto da server, trasformando la console in una sorta di ripetitore di segnale; quello che "gira" sul PC potrà essere visto e ascoltato sulla console. Sono proprio curioso di provare questo dispositivo, perchè se così fosse, ci sarebbe una forte discrepanza con tutti i discorsi relativi al Digital Rights Management cui quali spinge tanto Microsoft (e non solo) di questi tempi.


 :cowjoy: :thumbup:

 

BloQcs design by Bloc
SMF 2.0.17 | SMF © 2020, Simple Machines
Simple Audio Video Embedder